Left
  • 01
  • 02
  • 03
  • 04
  • 05
  • 06
  • 07
  • 08
Right

Polly Morgan
La divisa dell’artista

Lifestyle di sintesi, filo modernista

Siamo nella zona di East London, tra edifici di sapore e passato industriale, grandi spazi e vetrate e terrazze, vicine tra loro e lontane dal caos della capitale.

Ambienti che uniscono casa e atelier, come quello di Polly Morgan, artista che rivisita l’antica tecnica della taxidermia – leggi imbalsamazione – con un taglio personale, che taglia il contemporaneo.

Ultima apparizione a febbraio, dal gallerista Marco Voena che da sempre incrocia antico e contemporaneo. Perfetto quindi il suo spazio milanese per ospitare volatili adagiati sui quadri oppure pitoni che inseguono se stessi, in un circuito senza capo né coda come lo è l’infinito.

Torniamo a Londra, nell’atelier che a pianoterra srotola colori, spray, forbici e pinzette, persino un phon per asciugare piume, centinaia di arnesi con cui Morgan scompone e ricompone, animali da mettere in scena. In questo laboratorio, la diafana artista vestita con tuta da lavoro in tinta arancio – una sorta di Grace Kelly d’avanguardia – lascia regnare il caos della minuzia.

Una scala a chiocciola di ferro ci conduce invece al piano nobile, le vetrate diventano protagoniste, illuminando la sala con il grande tavolo di ferro nero, sedie di Charles Eames e luci d’autore: “Gli interni dipendono dall’edificio, qui immaginavo pochi pezzi modernisti. Più è affollato il mondo del lavoro, più ho bisogno di vuoto in casa. Qui vivo in compagnia soprattutto dei cieli, lo spazio serve per pensare”. Aperto e luminoso, il percorso della sala sfocia sulla grande cucina a vista, zona importante, perché Polly adora mangiare, ancor più cucinare: “Mentre il mio lifestyle è semplificato al massimo, in cucina mi muovo molto istintivamente, vado spesso fuori schema, deviando dall’idea di partenza. Come nel lavoro”. (v. MY MANIA : Le Mie Ricette).

E’ gigantesco anche il bagno, salone bianco dove Polly si cura di sé anche se quasi non si trucca: “Nell’aspetto non sono più avventurosa”.

“Al contrario, la bambina Polly applicava invece su se stessa, andando a scuola con le magliette extra large del padre e otto orologi al polso: “Cercavo di esprimermi e di attirare l’attenzione”.

L’attenzione si è spostata su pulcini e corvi imbalsamati, lo stile si è fermato su una sintesi sapiente, che dividiamo per punti.

Mi vesto sempre all’ultimo minuto, vivo troppo concentrata sul lavoro e ho la mia divisa: pantaloni oppure gonna a tubo con una bella camicia. Un tocco di mascolino rende tutto più interessante”.

Mai: abiti attillati e minigonne e mai scollata: “E’ molto più sexy”.

Sempre: tagli sartoriali di sapore maschile. Nel trucco, la scelta tra gli occhi o le labbra, mai entrambe le cose.

La valigia per tre giorni: 1 paio di scarpe da ginnastica 2 paia di scarpe con tacchi, sandali e stivali 2 t-shirts 1 paio di pantaloni di taglio impeccabile 1 giacca 1 bella camicia

Hand luggage, il consiglio: “In aereo indosso golf, giacca e cappotto, più strati possibile”.

Mania: “Amo le giornate di lavoro, non sono capace di godermi le vacanze”.

Cena: “Uscire la sera e mangiare pesce. Da J. Sheekei in St. Martin’s Court sembra di essere sull’Orient Express negli anni Trenta”.

Shopping: “Preferibilmente online. Altrimenti un giro tra gallerie e negozi di tendenza a MayFair”. La vera passione: il negozio di utensili Romanys, in Brewer street.

Ritratti - Archivio

Emmanuelle Rio
La cacciatrice d’interior design
Scopri di più
Sonia Sieff
Selfie-Sieff: da Parigi, un autoritratto d’autore
Scopri di più
Emilie Fouilloux
La perfezione della naturalezza
Scopri di più
Adrien Chavassieu
Il perfetto viaggiatore
Scopri di più
Sara Brajovic
L’attrice trend setter
Scopri di più
Alexia Jordan
La passeggiata culinaria della designer collezionista di ossa.
Scopri di più
Tatiana Gecmen Waldeck
Musica e Mitteleuropa: il mix di Tatiana.
Scopri di più
Kyveli Alexiou
Lo stile come teatro del sé
Scopri di più
Pietro Anelli
In volo verso il futuro
Scopri di più
Lucia Odescalchi
La principessa contemporanea
Scopri di più
Polly Morgan
La divisa dell’artista
Scopri di più
Carolina Bucci
Rinascimento contemporaneo
Scopri di più
Noor Fares
Il mondo attraverso gli occhi
Scopri di più
Caroline Issa
La cultura della moda
Scopri di più
Andrea Brugnoni
Eclettico Metropolitano
Scopri di più
Hugh Van Cutsem
La doppia vita di Hugh van Cutsem
Scopri di più
Sofia Camerana
Dettagli di viaggio
Scopri di più
Matteo Sardagna
Il senso di Sardagna per la terra
Scopri di più
Hedvig Opshaug
Stile Quotidiano: come vestire la giornata
Scopri di più
Orsini Peduzzi
Da Roma a Parigi con Tine e Luisa
Scopri di più
Lola Toscani
Uno sguardo sulla New York di Lola Toscani
Scopri di più
Nathalie Dompè
La Milano di Nathalie Dompè
Scopri di più
Tala Samman
La fashion editor ci guida per la “sua” Dubai
Scopri di più
Guido Taroni
Messe a fuoco con Guido Taroni
Scopri di più
Peter Cincotti
Nella mia musica, l’eco di radici italiane
Scopri di più
Martha Ward
Uno sguardo nell’armadio di Martha
Scopri di più
Carlotta Loverini Botta
A day in London with Carlotta Loverini Botta
Scopri di più
Valentine Warner
Valentine Warner is revealing his touch
Scopri di più
Tod's Loves New York
New York Exclusively for Tod's
Scopri di più
Milan as seen by Micol
“Se è quello che vedono tutti, non è quello che vedo io”
Scopri di più
Chic muse
La fashion blogger Denni Elias
Scopri di più
The Northern Light
Hedvig Opshaug for Tod's
Scopri di più
The Blonde Salad
Chiara Ferragni exclusive for Tod's
Scopri di più