Caroline Issa

La cultura della moda

Secondo il fashion director di Tank, autrice del blog becauselondon.com: ovvero la donna più fotografata del mondo…

Nata in Canada da madre cinese e padre iraniano, di bellezza e pensiero multiculturale, passata dal management allo styling per Tank Magazine, autrice del sofisticato blog becauselondon.com, città dove vive e dove la incontriamo. Nel suo appartamento che un tempo era laboratorio: di vecchi motori d’aeroplano.

Oggi, con lei si parla invece del meglio del contemporaneo. Di arte, musica, architettura e design, si occupa Tank Magazine, trimestrale londinese ideato e diretto da Masoud Golsorkhi, una rivista da collezione che incrocia cultura e moda, quest’ultima secondo la Issa. Stile e tendenze le decide lei, non solo tra le pagine di Tank. Inesorabilmente in equilibrio tra azzardo e couture, accesa dai colori che solo lei sa, Ogni suo look da conservare, come ogni numero di Tank. Lo sfilare d’arte e fotografia e grafica e interviste, raccolto nel Tank Book. Best of Tank Magazine 1998-2000, contenitore cult, contiene anche l’Issa-pensiero. “Moda e arte sono collegate, molto influisce anche l’architettura. Si tratta ogni volta di dare una prospettiva, certe le referenze, anche solo alcune linee di design, oppure si può partire da una mostra di scultura..tutto ispira i miei servizi fotografici”.

Nella vita, ti ha molto ispirato? “La mia parte cinese, le estati passate a Singapore con la nonna”.

Caroline Style.
Blazer e completi di taglio maschile, sete e chiffon di abiti e tacchi alti, accessori in falso contrasto, il rosso del rossetto a centro scena. Il suo stile attraversa il giorno e la notte, il sartoriale e l’ultra femminile, osa l’eccentrico senza usare artifici. Naturalmente diversa da tutti, ogni volta anche da se stessa, Caroline usa la variabile come firma.

L’azzardo? “Accosto tessuti e stampati come altri non oserebbero. Rompo il rigore di un tailleur da uomo con street style oppure vaporosi fiocchi, non mi fermo mai nell’aggiungere un colore”. Mai: “Indossare qualcosa di non-comfort. Anche se fosse il più meraviglioso degli abiti”. Sempre: “Investo molto in profumi”.
Colori: “Li uso, li oso, li sento addosso. Non amo il total black. L’ho portato molto in passato, ora lo trovo troppo noioso. Ora sfido sempre gli abbinamenti con un tocco lievemente sbagliato, magari in tono più acido”. L’estate Tod’s: “Il gioco dei rosa e dei bordeaux. E le ballerine, in tutte le nuance di quei colori”. Proporzioni: “Gravito sempre intorno a una certa lunghezza, quasi retrò, gonne a abiti appena sotto il ginocchio. Trovo il lungo molto ladylike e altrettanto sexy: le ampie gonne Tod’s, per esempio…”. Nell’armadio: “I tailleur maschili, gli abiti molto femminili, le camicie da signora alternate alle t-shirt d’avanguardia, poi i golf, sempre piccoli di misura”. I 5 pezzi must: “La mia camicia bianca e quella blu e oro, un abito da cocktail ostentatamente vintage, un trench molto couture, un paio di tacchi alti”. La scelta è complessa, le scarpe di Caroline sono ovunque, nell’armadio, nella camera da letto, in bagno, persino in libreria..

Issa-Style-Stand-Out
In ordine sparso, sfreccia per le strade della moda, con:
- blusa a stampa etnica e pochette invece paisley.
- pantalone nero e t-shirt bianca, il volume nei capelli mossi, l’impatto nei maxi occhiali.
- il pantalone è a stampa multicolor, quindi il blazer è blu, da cui spunta una t-shirt con scritta: street-twist.
- parka couture con leggings e tacchi, colori della terra.
- il giallo dell’abito con ramage neri, con il verde salvia della grande borsa.
- pantaloni scozzesi verde-blu con pizzo nero della camicia.
- limone i pantaloni, blu elettrico il colletto che spunta dal golfino a nido d’ape bianco-giallo-retrò.
- rosa pastello la camicia, verde pastello la gonna plissé, i tacchi sono neri.
- l’abito lungo e ricamato è messo di giorno
- gonna a stampa leopardo + verde menta della camicia cappotto leopardato sulle spalle, sotto jeans e camicia stampata.
- il touch dell’abito stampato sono le decolleté in tinta bianco latte, inusuale e candido azzardo.
Back to top