Skip to main content

Joy Zribi & Gaia Matisse

L’attrice intimista e l’appassionata di moda.

Cartoline di pensiero da NY e da Parigi, da una sorella all’altra.

Da Parigi, la designer Joy:
“ Sono nata in Guadalupa, madre francese, padre di origini tunisine : una parte di grande ispirazione per il mio lavoro creativo. La Tunisia è il posto dove ricarico le batterie. Mixo quello stile di vita e quel decor per creare uno stile unico, originale.
Il sole, la luce ed i colori , la primavera e l’estate sono le mie fonti anche oggi, che vivo a Parigi, e sono al terzo anno del corso di Design alla scuola di moda Mode Estah.
Amo lo stile in qualsiasi forma (v. il mio blog, www.thefashionangeldiary.com che ho creato la scorsa estate). Mi consente di esprimermi in un modo molto spontaneo così come sono io: condivido con le persone le mie ispirazioni in tutti i campi e a volte dò anche consigli e suggerisco alcuni trucchi di stile e bellezza.
Amo disegnare e fare illustrazioni, il mio sogno è quello di creare un brand di gioielli.”

Da New York, l’attrice Gaia:
“Sona nata a Parigi e cresciuta tra Parigi e New York.
Con la parte francese della mia famiglia d’estate visitavo la Francia, soprattutto il sud.
A New York invece sto finendo il corso alla NYU Gallatin School of Individualized Study e vivo nell’East Village ( con il mio piccolo cucciolo Bambi, che è l’amore della mia vita e mi mantiene sana ed equilibrata).
Mi sto di specializzando nel “ Sè e Gli altri” : performance integrativa e psicologia occidentale. E’ da quando ho 16 anni che recito con un insegnante del metodo Stanislavski, mentre lavoro su vari aspetti della psicologia di Carl Jung e del Sé; un argomento che ho esplorato nella mia recitazione, ho approfondito con gli studi alla NYU, seguendo corsi di buddismo, psicologia ed esperienza religiosa nel post-modernismo.
Fa parte della mia vita l’ appuntamento al mare con mia sorella Joy che vive a Parigi, e così è anche per lei.”


Joy

Mi sento elegante: con abiti, volumi, la taglia segnata.
Il lusso è: la bellezza.
Il regalo più bello: una collana con il ciondolo a forma di scarabeo egiziano: simbolizza la rinascita e lo indosso come amuleto. Poi l’anello che ho ricevuto a 18 anni, era di mia nonna, che faceva la sarta, mi protegge.
In valigia: tanti vestiti e colori.
Paure: la vita ha un scopo?
Mai: mai dire mai.
Sempre: sorridere.

Gaia

Mi sento elegante: con vintage YSL, Celine e Chanel, i capelli raccolti , un bicchiere di champagne e ovviamente i diamanti...Ma in fondo basta una vestaglia di seta e l’olio di cocco sulla pelle fà il resto.
Il lusso è: la libertà di fare ciò che ami.
Il regalo più bello: l’anello di fidanzamento della nonna francese e la sua fede di nozze. Le indosso sempre in ricordo della sua bellezza ed eleganza quotidiana.
In valigia: il mio piccolo cucciolo Bambi, pesa solo 1kg ed è la più amabile creatura sulla terra, viene con me dappertutto.
Paure: allontanarmi da questa terra senza aver lasciato un segno.
Mai: non dubitare mai di me stessa, non aver paura di apparire diversa.
Sempre: spingiti a fare le cose che ti fanno sentire scomoda, i riconoscimenti saranno infiniti.

Tre indirizzi “riservati”:

con Joy, a Parigi:
Hotel Costes, mi piace molto per il decoro barocco e romantico e mi sento molto a mio agio in questo ambiente ricco di piante e fiori.
L’Hotel George V, per le sue decorazioni dallo stile classico e moderno, dai colori e dai fiori scelti dal famoso e talentuoso Jeff Leatham.
Carette, sono molto golosa e questa sala da thè parigina per me è fantastica.

con Gaia:
Sisyphos,un locale a Berlino che apre saltuariamente ma per tre giorni consecutivi, notte e giorno non stop. Ha un’area all’aperto con case sugli alberi e letti, vecchi camioncini che sono stati trasformati in sedute ed altre diverse installazioni. È un luogo delle meraviglie un po’ hyppie, dove sei libero di essere te stesso, con una musica fantastica.
• Il Mercer Hotel a Soho, New York, un posto divertente per bere qualcosa dopo una lunga giornata. È anche un bel posto per osservare gente, non sai mai chi può entrare da quelle porte.
• Il cimitero di Montparnasse, uno dei più bei posti di tutta Parigi, ogni singolo sentiero è affiancato da bellissimi alberi secolari e fiori colorati. Lì è sepolto mio papà e i miei nonni così che ogni visita per me è estremamente speciale. Il suono della natura mi consente di riconnettermi con me stessa.
Back to top