Skip to main content

Julien B. Diez

Tutto il sapore di St. Barth

Il suo nome è legato a Foodland St. Barth: leggi tutto il cibo più buono del mondo magicamente trasferito sull’isola. Quella St. Barth di cui si è innamorato durante la visita ad un amico nel 2006, l’idea era di starci un paio di mesi, ad oggi sono passati nove anni. Con Julien scopriamo il gusto e i gusti di un francese che nella prima vita coltivava ostriche.

Il resto ce lo racconta lui:
“sono nato a Strasburgo, al confine tra Francia e Germania.
Sono cresciuto con dei sani principi familiari, vicino ai miei genitori e a mia sorella minore.
Ho vissuto in Alsazia, in Provenza e nel sud ovest della Francia.
A 17 anni, dopo la maturità mi sono spostato a La Rochelle, a studiare Acquacoltura.
Sono sempre stato attratto dalle professioni che riguardano il mare. Ho studiato molto la vita marina, la biologia, qualsiasi forma di vita che potesse crescere in acqua. Ho anche conseguito una serie di patenti nautiche (è stato anche un modo per fare surf, immersioni e divertirmi sulle spiagge).
Ai tempi dell'università vivevo sull'isola di Oléron, nell’ovest della Francia, la specialità di questo territorio erano proprio le ostriche. Per guadagnare un po’ lavoravo con i coltivatori di ostriche, ma era una professione che amavo davvero. Così è diventato il mio lavoro per otto anni e ho vissuto delle esperienze davvero uniche intorno a questi paesaggi assolutamente particolari tra la Bretagna, la Normandia, le Isole Ré e Oléron e Arcachon, anche in condizioni davvero estreme... lavori in mezzo al mare, sia d'estate che d'inverno, con ogni condizione metereologica, ma è assolutamente fantastico.
Il giorno in cui ho sentito il bisogno di vedere nuove cose, sono atterrato a St.Barth.
Mi sono recato qui, in visita ad un amico, nel 2006. Dovevo restare un paio di mesi, invece, dopo nove anni sono ancora qui. È stato amore a prima vista. Ho pensato anche di tornare in Europa, ma anno dopo anno mi sono sempre più innamorato di questa piccola roccia caraibica.
St. Barth è un piccolo mondo, capisci subito se ci puoi vivere, se ti ci trovi bene, oppure se non fà per te.
E’ semplicemente fantastico. Hai l’opportunità di crearti una vita, come da nessun’ altra parte.
Alcuni anni fa poi, tutto è cambiato. Mi sono innamorato di mia moglie che era qui in vacanza e ho avuto l'opportunità di iniziare a lavorare nel settore dell'importazione alimentare.
Oggi la vita “sulla roccia” è tutta dedicata alla mia famiglia e alla mia piccola principessa caraibica Leeloo, lavoro ed ho una qualità della vita assolutamente fantastica, e sono sempre a stretto contatto con il mare.
Sono socio nella Foodland St. Barth, un società locale che importa alimenti freschi da tutto il mondo. Forniamo cibo ricercato a molti ristoratori dell‘isola e anche a privati: siamo il miglior servizio di catering a domicilio nelle ville e sugli yachts di tutta l’isola.
Un domani non si sa...forse un'altra destinazione...e perché no, forse potrei incontrare di nuovo le mie ostriche.”

Il lusso per me: sono i momenti passati con la mia famiglia, Leeloo la mia bambina di 2 anni, e mia moglie Julie.

Il regalo più bello: LEELOO.

Nella mia valigia: il mio paio di stivali da cowboy.

Mi sento elegante: abbronzato e salato dall’acqua di mare, amo questa sensazione naturale.
Vivo vicino al mare da quando ho sei anni e dunque ho bisogno di sentire fisicamente sulla mia pelle questa presenza. So che non ne posso fare a meno. St Barth è dunque il posto ideale, il mio kayak lo strumento perfetto.

Il mio posto preferito: difficile a dirsi, ce ne sono tanti. Amo le isole e questa la mia classifica:
- Oleron, est della Francia
- St. Barth, FWI
- Rod Loga, Svezia, una piccola isola vicino a Stoccolma
(Peraltro, amo molto la Svezia, mia moglie Julie è svedese, e ho avuto modo di conoscere un po’ questo Paese, bellissimo e riposante).

La mia colonna sonora: Easy Rider, the Pusher degli Steppenwolf.

Paure: deludere qualcuno.

Mai: rimpianti.

Sempre: vai avanti! WAR ARAOK ATAO ! ( in lingua Bretone ).

Tre indirizzi “riservati”:
- Lorient, la più incantevole spiaggia di tutta St Barth, non a caso indicata come una delle più belle spiagge del mondo;
- la baia di Torekov, in Svezia: mare, verde, silenzio e pace;
- nel mezzo dell’Oceano Atlantico: su una barca a vela, ho fatto una traversata oceanica, un’ esperienza di vita incredibile.
Back to top