Il Gruppo Tod’s è orgoglioso di aver preso parte al restauro del Colosseo, simbolo della storia del nostro Paese.

IL PIANO DEGLI INTERVENTI

Il “piano degli interventi” per il restauro del Colosseo è un progetto voluto dall'allora Commissario Delegato per le Aree Archeologiche di Roma e Ostia Antica, in collaborazione con la Soprintendenza Speciale per il Colosseo e l'area archeologica di Roma, e realizzato grazie al Gruppo Tod’s.

La prima fase dei lavori è giunta a compimento e ha riguardato il prospetto settentrionale e quello meridionale, pari a circa 13.300 mq di superficie, e la sostituzione dell'attuale sistema di chiusura dei fornici con la realizzazione di nuove cancellate.

Il piano degli interventi continuerà con il restauro degli ambulacri, dei sotterranei del Colosseo, la messa a norma e l’implementazione degli impianti e la realizzazione di un centro servizi che consenta di portare all’esterno le attività di supporto alla visita che sono attualmente all’interno del monumento.

  • PRIMA E DOPO IL RESTAURO: LE IMMAGINI
    Il risultato della prima fase del progetto di restauro: il Colosseo, riportato al suo originario splendore.
  • PRIMA E DOPO IL RESTAURO: LE IMMAGINI
    Il risultato della prima fase del progetto di restauro: il Colosseo, riportato al suo originario splendore.
  • PRIMA E DOPO IL RESTAURO: LE IMMAGINI
    Il risultato della prima fase del progetto di restauro: il Colosseo, riportato al suo originario splendore.
THE PHASES OF RESTORATION
Rilevamento fotografico e mappatura delle superfici per l'intervento di restauro.
Lavaggio con acqua nebulizzata: l'azione alternata della nebbia d'acqua e della spazzolatura con spazzole di saggina, asporta progressivamente i depositi di sporco e rivela il quadro fessurativo del monumento, salvaguardando la patina del tempo.
Riadesione delle scaglie di travertino, mediante malta di calce aerea e iniezioni di malta idraulica liquida.
Preparazione della malta: la setacciatura della pozzolana nera.<br> Applicazione della malta con spatola a foglia di olivo.<br> Trattamento della stuccatura per ottenere stuccature in mimesi con le superfici di travertino.
Asportazione meccanica dei cementi mediante microscalpelli.
Asportazione dei depositi non pertinenti la superficie originale mediante trattamenti localizzati con microsabbiatura di precisione.
Sostituzione dell'attuale sistema di chiusura dei fornici con cancellate in ferro battuto.

COLOSSEUM MAPPING

COLOSSEUM MAPPING

A unique classification, for the benefit of future studies and restorations.
The revised restitution of the monument relief allowed the transfer of all the information stored in the construction site records into digital format, creating four different mappings: state of conservation, constitutive elements, preservative interventions and execution technique.

STATE OF CONSERVATION
Preliminary documentation which locates the different types of alteration and/or degradation found on the monuments surfaces before the preservative intervention.
Discover more
CONSTITUTIVE ELEMENTS
Identification of every construction element and its material.
Discover more
CONSERVATIVE INTERVENTIONS
Identification and location of the conservative interventions done during the present restoring intervention.
Discover more
EXECUTION TECHNIQUE
Punctual studies and surveys of the work have provided us with further useful indications to increase the knowledge of the monument's construction technique, and to locate the remakes starting from the most ancient.
Discover more
Widespread occurrence of micro-organisms (algae and lichens) caused by the travertine's morphological properties as well as by the micro-climatic conditions. This phenomenon caused a superficial blackening which seemed particularly focused on the mapped areas.
These thick coats give the monument a pleasant chromatic aspect and their colour extends from golden yellow to pink, orange-red, brown and finally dark grey.
Build-up of different extraneous materials with a minimum thickness (atmospheric particles, dust, soil, guano) which lead to foresee the underlying coats of oxalate.
Solid and uniform deposit which characterized the areas which were not directly exposed to the placer mining. The build-up made by atmospheric particles, dust, soil and guano prevented the interpretation of the underlying coats of oxalate.
Solid crust made mostly by atmospheric particles with a variable thickness (up to 1cm). In some areas the deposit spontaneously detached from the substrate which usually was more uneven.
Fallen or lost parts which acquire specific shapes according to the structural features or the weaving. Mappings have been made of the areas where the phenomenon was more evident.
Different kinds of weeds have been found, which are caused by the exposure and by the micro climatic changes. Among them, caper bushes were found, which caused instability inside the masonry, due to their substantial root structure.
Degradation caused by the total or partial detachment of pieces, often in corrispondence of the original material's discontinuity.
Material removal from the surface caused by different processes; this phenomenon was particularly clear down the stone facing at the 3rd order of the southern prospect.
Degradation caused by the development of cavities of different shape and size. This phenomenon is often observed lengthwise the areas that are more exposed to pouring rain.
Iron elements are characterized by a dusty coat of the corrosion products. Stains were found locally, caused by the absorption of the iron oxides inside the porosity of the stone.
Degradation caused by the development of the solutions of discontinuity of the material which can imply the repositioning of both parts. This phenomenon is produced mainly by mechanic causes: structural movements, expansion of the iron pivots, natural causes in the structure.
Beside the travertine stone facing, there are portions in brick work, groutings and topgroutings in cement conglomerate, clamps, gratings, railings and iron structures.
Down the stone facing, beside some traces of ancient mortars, many grountings from previous conservative restorations can be noticed.
Consolidation work from the '50-'60, years in which hundreds of iron and bronze pivots were inserted. A greater concentration was found lengthwise on the northern prospect's four orders.
In order to remove the micro organisms, the entire surface has been treated with a biocide product; in order to dry the weeds an anti fouling product has been used, applying it directly on the leaves.
Mechanic cleaning of the iron elements and conservative treatment with a rust converter which is able to turn the oxide into a stable product.
This method of cleaning has been used only on the top of the monument and on the mortar groutings in order to remove the deposits and the micro organisms.
Cleaning of the surfaces in order to remove the superficial deposits of extraneous matter with the action of sprinkled water, by means of an hydraulic system especially designed and assembled to meet the monument's necessities.
In order to remove less soluble organic deposits, localized cellulose wraps soaked in detergent products were used which are efficient for cleaning, but not aggressive on the underlying stone.
In order to consolidate the gaps found on the masonry, injections of highly adhesive and filling hydraulic mortars were fulfilled. The bonding of small detached fragments has been obtained with epoxy resins charged with marble dust.
Basalt, steel and/or fibreglass pivots were inserted in order to improve the adhesion and to guarantee the sealing power for bigger fragments.
The sealing with new groutings has represented an important action of preservation and safeguarding of the monument as it reduced water infiltration inside the masonry. In order to improve the visual impact, some pre-existing cement groutings have been coloured.
Every block is identified with a consecutive number which identifies it uniquely.
Partition of the unitary elements as classified by the architectonical orders: protruding decoration parts, arches, columns, bases, architraves, pilasters, etc.
The study of the blocks weaving and the orientation of the sedimentation plan is indicative for the interpretation of the monument's building sequences.
For each travertine block, the signs left by finishing tools on the surfaces have been observed.
The mapping shows the modern travertine integrations.
PROJECT NUMBERS
10.150
di superfici in travertino restaurate
1.700 KG
calce e inerti di diversa dimensione e colore
13.000
foto scattate per documentare
il restauro del Colosseo
1.200
di cancellate, telai e parapetti in ferro
81.895
elementi censiti nel prospetto nord e sud
LE INTERVISTE ALLE PERSONE CHE HANNO LAVORATO AL PROGETTO
Scopri i video che raccontano la passione e la dedizione che hanno guidato il lavoro dei migliori esperti per restaurare il simbolo del nostro Paese.

 

found memories
Un bassorilievo di circa 60 cm di altezza svela un gladiatore: l’opera è presumibilmente riconducibile alla costruzione originaria di Età Flavia.
Degli ultimi anni del 1300 sono i bassorilievi raffiguranti il Cristo sull’altare con ai lati i due candelabri ardenti appartenuti alla Confraternita del Santissimo Salvatore ad Sancta Sanctorum.
Sul prospetto nord del Colosseo, lungo la cornice inferiore dell'attico, si alternano dentelli e rosette, queste ultime sono l'una diversa dall'altra.
Sulla chiave di volta e sui due blocchi adiacenti dell'arco 65 sono state trovate tracce di tre targhe dipinte nel 1386: il restauro ha svelato i colori di un affresco del Cristo sull’altare tra due candelabri ardenti, appartenuti alla Confraternita del Santissimo Salvatore ad Sancta Sanctorum, e lo stemma del Senato Romano.
Durante il restuaro sono stati rinvenuti numerosi chiodi in ferro la cui posizione e forma sono riconducibili alle operazioni di rilievo architettonico effettuate nell'Ottocento.
UN'ARENA DI LUCI E COLORI
UN'ARENA DI LUCI E COLORI
Il Colosseo restaurato si mostra al pubblico in uno spettacolo notturno di luci e colori.
Tod’s, in collaborazione con la Soprintendenza Speciale per il Colosseo e l'area archeologica di Roma, ha celebrato il restauro del Colosseo offrendo alla città di Roma e al pubblico dei visitatori l'opportunità di godere dall'arena di uno spettacolo di luci e colori creato appositamente.#TODSFORCOLOSSEUM

“Un'arena di luci e colori" si inserisce nei progetti di Tod’s
a sostegno del patrimonio artistico e culturale italiano.

Lo spettacolo si svolgerà dal 3 agosto al 16 ottobre, con una frequenza di due giorni a settimana (mercoledì e domenica), dalle ore 21.00 alle ore 23.30, con l'ultimo ingresso previsto per le ore 23.00. L’accesso gratuito all’arena sarà dedicato, per ogni fascia di ingresso, a tre gruppi contestuali di visitatori, ciascuno costituito da 25-30 persone. La durata di ciascun turno è pari a 20 minuti circa. È possibile prenotare telefonicamente al 06/39967700, oltre a poter accedere direttamente alla biglietteria posta all’ingresso del monumento.

 
IL CONCERTO
IL CONCERTO
Un evento unico per celebrare il restauro del Colosseo e la cultura italiana.
L'Accademia del Teatro alla Scala diretta da Zubin Metha e Tod's celebrano il restauro del Colosseo.
Un inno all'italia, alla sua cultura, alla sua bellezza e ai suoi talenti.

Dal 2 Luglio al 31 Agosto
dalle ore 20.00 alle ore 24.00

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Nulla accumsan et purus eget consectetur. Nam consectetur nibh ut diam semper pharetra. Aenean in dapibus eros. Phasellus iaculis orci vitae purus lobortis, quis luctus urna ullamcorper. Aliquam erat volutpat. Donec at tristique lorem, non pellentesque quam. Sed ultrices libero ex, sit amet facilisis ipsum tincidunt ac.

THE HISTORY OF THE COLOSSEUM
72<span></span>
Il Colosseo nasce come Anfiteatro Flavio per volontà dell’Imperatore Vespasiano che dà avvio ai lavori di costruzione.
80<span></span>
Tito, figlio dell’Imperatore Flavio, porta a compimento i lavori. L’inaugurazione dura 100 giorni, durante i quali si alternano straordinari giochi e combattimenti.
‘400 - ‘500
Numerosi terremoti causano crolli e danni al Colosseo che, negli stessi anni, viene sottoposto a diversi cicli di restauri (che continuarono anche dopo la caduta dell’Impero).
1349
Un nuovo terremoto causa il collasso dell’esterno lato sud. Per i tanti terremoti, a lungo il Colosseo è utilizzato come fonte di materiale edilizio: i suoi blocchi di travertino si possono trovare in costruzioni recenti come il Palazzo Barberini e il Porto di Ripetta.
1675
In occasione del Giubileo, il Colosseo viene consacrato alla memoria dei Martiri cristiani lì condannati al supplizio.
1980
Il Colosseo è inserito nella lista dei Patrimoni dell’Umanità dall’UNESCO.
2013
Cominciano ufficialmente i lavori di restauro che riporteranno il Colosseo al suo antico splendore.